Annie Griffiths: LA MIA PROSPETTIVA

IL COMPITO PIU’ DIFFICILE per qualsiasi fotografo è instaurare un rapporto con i soggetti, le persone, e la fotografia mi ha insegnato a farlo. L’intimità che ricerco assiduamente nelle mie immagini può essere ottenuta solo in un’atmosfera di fiducia e comprensione. ho imparato ad ascoltare con ogni fibra del mio essere, cogliendo non solo quanto viene detto, ma anche i segnali inespressi.
Ogni cultura ha i propri gesti peculiari che indicano rispetto, aggressività, ironia, paura, gentilezza, sospetto. Un fotografo deve saperli riconoscere. Che stia fotografando un matrimonio beduino, un villaggio pachistano o un agricoltore inglese, mi ricordo sempre di essere un ospite nella realtà altrui, la straniera che deve rispettare gli usi di un’altra cultura.
Il mio scopo è mettere i miei soggetti a loro agio affinché possa mostrarli come esseri umani; per quanto mi è possibile, cerco di sparire e di trovare i modi per non intimidire. Non porto mai una borsa per le attrezzature né indosso la giacca da fotografo. Cerco di mimetizzarmi più che posso. Ad esempio, mi abbasso, accovacciandomi o inginocchiandomi con la fotocamera. In effetti ho scoperto che in genere i soggetti sono meno intimiditi quando mi trovo alla loro altezza o un pò più bassa. Evito di usare interpreti e cerco di comunicare in prima persona in ogni modo possibile. Sorrido e rido molto.–A.G.

°ANNIE GRIFFITHS ha lavorato in oltre cento paesi per decine di progetti sia per le riviste sia per i libri della National Geographic Society, di cui è stata uno dei primi fotografi di sesso femminile. Tra i suoi articoli si annoverano quelli su Lawrence d’Arabia, Baia California, Nuova Zelanda e Gerusalemme. Nel 2008, ha pubblicato un memoriale fotografico, a Camera, Two Kids and a Camel, mentre il suo ultimo libro, Simply Beautiful Photographs, è uscito nel 2010.

Annie_Griffiths

Precedente Controllare la velocità d'otturazione Successivo Luce ed esposizione