Controllare la velocità d’otturazione

PER CONGELARE IL MOVIMENTO serve un battito di ciglia, non uno sguardo fisso. Se tenete bassa la velocità d’otturazione, un soggetto in movimento formerà immagini multiple sul sensore: ciò che noi percepiamo come sfocatura. Scattando senza flash, è necessaria una velocità di 1/500 o superiore per congelare l’azione. Se la velocità è minore di 1/125, si consiglia un treppiede. Un grandangolo può essere usato a mano libera anche con velocità minori, ma sotto 1/60 qualunque fotocamera senza treppiede produrrà immagini sfocate.

°ESPOSIZIONE EQUIVALENTE
Comprendere la relazione tra velocità d’otturazione, apertura e ISO è essenziale. Una fotocamera impostata su un’altra ISO necessiterà di meno luce attraverso il diaframma e di un’esposizione più breve dall’otturatore. Apertura e velocità d’otturazione sono inversamente proporzionali. Se è intuitivo che una velocità di 1/100 è la metà di 1/200 e il doppio di 1/50, altrettanto non si può dire dell’apertura: f/2.8 è un valore doppio del successivo stop, f/4, e la metà del precedente, f/2. Se abbassate la velocità di uno stop (aggiungendo luce) e volete mantenere la stessa esposizione, dovete ridurre l’apertura (sottraendo luce) di uno stop. Analogamente, se volete allargare l’apertura (aggiungendo luce) dovete aumentare la velocità d’otturazione (sottraendo luce). Questo concetto è chiamato reciprocità o esposizione equivalente.

ass

I commenti sono chiusi.