Definire la composizione

METTERE IL SOGGETTO AL CENTRO dell’inquadratura e scattare non è composizione, anche se qualche volta ne deriva una buona immagine. E’ necessario pensare lo scatto mentre si guarda il mirino, anticipando il momento in cui i movimenti siano in sintonia. “Buona composizione” significa liberarsi degli elementi di disturbo come il paraurti di un’auto nell’inquadratura o uno steccato che esce dalle orecchie di un soggetto. Fate attenzione alle macchie di luce: punti di bianco vivo o riflessi sugli occhiali. Non lasciare oggetti sfocati in primo piano. Le foto migliori non necessitano di ritagli al computer. I professionisti riempono tutto ciò che può distrarre.

VEDERE IN DUE DIMENSIONI
I nostri occhi vedono da angolazioni diverse in modo che possiamo percepire le tre dimensioni -altezza, larghezza e profondità- ma una fotografia fa solo due dimensioni. Pertanto, la bellezza di un soggetto, evidente ai nostri occhi può deludere in foto: il vostro spettacolare paesaggio potrebbe apparire piatto e insulso. Tuttavia ci si può esercitare a vedere il mondo come la fotocamera: a due dimensioni. Chiudete un occhio e sollevate le mani a formare una cornice. Ciò che vedete è vivo? Se la risposta è no, provate a spostarvi facendo in modo che in primo piano ci sia qualcosa. Questo in genere aggiunge la sensazione di profondità o della distanza.
Long Road South, The Pan American Highway
prever_a_composicao_(4)

I commenti sono chiusi.