La regola dei terzi e le linee guida

SE IL CENTRO DELLA FOTOGRAFIA non è il punto migliore dove far posare gli occhi dell’osservatore, qual’è questo punto? Artisti, designer e fotografi hanno imparato a trovarlo con la “regola dei terzi”. Immaginate che il display della fotocamera sia attraversato da una griglia formata da quattro linee, simile a quella del gioco “tris”. Quando guardate la scena attraverso il mirino, posizionate il soggetto in uno dei punti d’intersezione della griglia. Ciò fornirà all’immagine un generale equilibrio dinamico. Si può anche sistemare il centro d’interesse e un suo contrappunto in punti d’intersezione opposti.
Bilanciate la composizione in modo che entrambe le parti siano gradevoli ma di differente posizione, forma o colore. Una piccola zona di colore intenso bilancerà un’area più grande di tonalità meno vivida. Un piccolo animale bilancerà un grosso oggetto. Di solito è chiaro quale interesse sia la migliore, poiché qualunque altro elemento si trovi nell’inquadratura ne verrà valorizzato o sminuito.

regola dei terzi

LINEE GUIDA

LE LINEE GUIDA SONO ELEMENTI lineari nella composizione che possono guidare l’occhio dell’osservatore verso il punto d’interesse. Grazie alla prospettiva, inoltre, conferiscono tridimensionalità a un’immagine bidimensionale. La linea di mezzeria di una strada, ad esempio, sembra rimpicciolirsi all’orizzonte, sia che stiamo guardando sia in una fotografia. Per converso, una grossa linea mal posizionata tenderà ad attirare lo sguardo verso il margine della foto rovinando la composizione.
Nei paesaggi naturali o urbani abbondano gli elementi lineari: carreggiate, binari, recinzioni, crinali montuosi, rami, fiumi e torrenti, viali, file di luci ecc. Magari c’è una stradina che serpeggia fino a una fattoria, o uno steccato che attraversa i campi di grano, o un cordolo.
Nella maggior parte dei soggetti si trovano linee efficaci: alcune sono ovvie come strade o fiumi, altre meno evidenti come un dardo di luce o la piega di una sciarpa. Le linee guida sono più efficaci

2 thoughts on “La regola dei terzi e le linee guida