Lavorare con la luce

LA LUCE GIUSTA è essenziale per una foto efficace, ma la “giustezza” è spesso nell’occhio del fotografo. In generale, la luce più desiderabile trasmette un effetto tridimensionale e valorizza la bellezza di un’immagine, ma la luce può comunicare altresì stati d’animo, convinzioni o emozioni personali. La luce non è solo la condizione necessaria per una foto, ma anche il suo strumento primario. Benché ogni giorno presenti condizioni di luce uniche, si possono fare alcune generalizzazioni:

°LUCE MATTUTINA Di primo mattino, quando il sole è ancora basso, la luce è bianca. E’ un buon momento per fotografare il paesaggio, perché le ombre lunghe aggiungono un effetto tridimensionale alle immagini.

°LUCE MERIDIANA A mezzogiorno, quando il sole è a picco, le ombre sono corte e nette e la luce può essere molto contrastata. I ritratti presentano particolari difficoltà perché è necessario usare un flash di riempimento per attenuare l’effetto delle ombre.

°LUCE POMERIDIANA Il tardo pomeriggio porta una calda luce diffusa con ombre lunghe e morbide. E’ il momento ideale per la maggior parte delle foto.

La luce è dinamica. Se possibile, pianificate le vostre foto in funzione della luce. Se pensate che ci sia l’opportunità per una foto ma la luce è troppo intensa, aspettate che le condizioni migliorino. Bel tempo non è necessariamente sinonimo di buona luce. Se il cielo è coperto la luce è più tenue e il contrasto ridotto, mentre i temporali possono creare effetti rari e surreali che, se sfruttati al meglio, trasformano una scena ordinaria in una foto straordinaria. Una costa rocciosa spazzata dalle onde può rivelarsi spettacolare con un cielo plumbeo e minaccioso come sfondo. Una persona che guarda attraverso una finestra bagnata dalla pioggia può comunicare intense emozioni.

LUCE MATTUTINA.
alta_montagna_20101117_1676210548

LUCE MERIDIANA.
mezzogiorno montagna

LUCE POMERIDIANA.
tramonto montagna

I commenti sono chiusi.